Maschera per scannerizzare pellicole Super 8 e Normal 8 (Seconda Versione)

La Prima versione si trova qui:Maschera per Scanner: Prima Versione. Si consiglia la lettura della prima versione anche se si pensa di realizzare solo la seconda, perchè ci sono degli utili suggerimenti nel lavorare i materiali comuni.

Ultimo Aggiornamento 17 Giugno 2012

Dopo ottimi riscontri da parte di chi ha utilizzato la maschera per scanner in prima versione, ma anche grazie ad alcuni suggerimenti e riscontri diretti nell'uso della suddetta maschera, ho pensato di realizzarne un'altra sensibilmente diversa, ma utilizzando ancora la Plasticard (fogli di styrene) reperibili nei negozi di modellismo.

In questi esempi io utilizzo fogli bianchi, anche se esistono fogli di styrene neri che sarebbero sicuramente più adatti a mascherare la luce. Purtroppo non sono riusciti a trovarli da 0,2 mm, pertanto ho preferito utilizzarli tutti dello stesso colore.

La facilità con cui si riesce a lavorare questo materiale è veramente notevole, tuttavia quuesta volta volevo realizzare una maschera più rigida, perchè la plastica (specie se sottile) tende negli anni ad incurvarsi.

Ho quindi pensato di usare come struttura portante una lastra di vetro, unita ancora alla Plasticard, per realizzare il binario su cui scorre la pellicola da scannerizzare. Il risultato ottenuto è stato talmente soddisfacente che ho pensato di proporvelo, anche se non nascondo che seppure il lavoro è stato più rapido, occorre utilizzare più attenzione, perchè il vetro può rompersi, ma soprattutto sporcarsi irrimediabilmente quando si incollano i vari pezzi.
Non vi nascondo che ho dovuto buttare un lavoro iniziale a causa di un errore durante le fasi di incollaggio.

Come prima cosa oltre ai fogli di styrene da 0,2 e 1 mm con relativa colla, occorre procurarci una lastra di vetro. Qui l'idea non è stata quella di andare da un vetraio che oltre a far lievitare i costi è inutile visto che le dimensioni non devono avere una misura particolare, ma comperare una economicissima cornice a giorno venduta anche nei supermercati e prendersi il vetro.

MascheraScanner

Qui vedete una cornice 20x30, ma ancora meglio per uno scanner A4 è 20x25, perchè resta maggiormente libera l'area in alto dello scanner. Le dimensioni sono infatti non critiche, basta utilizzare una lastra sufficientemente grande, ma tale da lasciare almeno un centimetro a sinistra e destra dopo averlo posto sul piano dello scanner (si veda la foto sottostante).
Sopra il piano dello scanner occorre lasciare invece almeno un paio di centimetri in modo da lasciare libera la finestrella utilizzata dallo scanner per fare quella sorta di bilanciamento del bianco. (Ampiamente spiegato sull'articolo relativo alla prima versione della maschera).

MascheraScanner

 

La realizzazione della maschera comincia in modo similare alla prima versione, ovvero ritagliando due fogli da 0,2 mm di spessore che una volta disposti sul piano dello scanner dovranno avere una larghezza tale che non sarà possibile spostarli in modo orizzontale, vsto che andranno a battuta sul bordo destro e sinistro del piano scanner.

Il foglio inferiore dovrà essere disposto in modo tale il bordo inferiore batta sul bordo inferiore del piano scanner, mentre analogamente quello superiore dovrà stare a battuta sul bordo superiore.

 

MascheraScanner

 

Ogni scanner ha proprie dimensioni e a solo scopo indicativo vi informo che il foglio inferiore per il mio scanner Epson 4490 PHOTO, ha dimensioni: 223x140 (LXH) mentre quello superiore 223x150 (LxH).

La larghezza è una dimensione critica, visto che se è superiore a quanto richiesto non entra nella sede dello scanner, mentre se è inferiore permette al foglio di muoversi orizzontalmente, cosa che NON DEVE accadere.

Anche l'altezza ha un ruolo critico, ma solo considerando la somma delle altezze dei due fogli che sommata alla larghezza della pellicola deve assumere esattamente l'altezza del piano pellicola. Suggerisco di ritagliare prima due fogli di larghezza precisa ed altezza di circa la metà dell'altezza del piano scanner (il mio misura 305mm.)

Poi posizionare quello inferiore in modo che la parte in basso sia a contatto con il bordo inferiore e quello superiore sul bordo in alto dello scanner. Dopo aver rimediato uno spezzone di pelllicola 8mm, posizionarla al centro in modo che la parte inferiore batta sul bordo del foglio inferiore e la parte alta della pellicola possa essere sfruttata per segnare la parte da asportare sul foglio superiore.

Si ricorda che occorre realizzare un'asola sul foglio superiore, come già indicato nella realizzazione della prima maschera, che ho già definito come "Finestrella di servizio".

Forse non tutti sanno infatti, che gli scanner quando acquisiscono trasparenti (positivi o negativi) effettuano una sorta di bilanciamento del bianco e regolazione dell'esposizione che io stesso ignoravo prima di realizzare questa maschera. Probabilmente per il progressivo esaurimento della lampada posta sotto il coperchio, con conseguente variazione di luminosità e temperatura colore, il CCD dello scanner necessita di una ritaratura ad ogni acquisizione.

Questa autoregolazione avviene nel primo tratto di scansione del piano che infatti non può essere utilizzato come zona utile. Questo è il motivo per cui ho scelto di creare una maschera con pellicola posta perpendicolarmente all'asse dello scanner, piuttosto che longitudinalmente al piano che avrebbe permesso di effettuare scansioni molto più lunghe (molti più fotogrammi catturati in una sola volta). Coprendo questa zona infatti, ignorando questa caratteristica ho ottenuto scansioni di pellicola praticamente illeggibili.

Ignorando quanto debba essere ampia questa zona, visto che neppure sulla documentazione se ne parla, ho utilizzato una delle maschere per negativi fornita in dotazione allo scanner per disegnare la parte del nostro piano da rimuovere.

MascheraScanner

Nella documentazione dello scanner non si fa menzione a tale criticità, solo un piccolo segnale di "divieto di sosta" permette di capire che tale zona deve restare libera.

 

MascheraScanner

Rapidamente si rimuove tale parte per creare questa finestra di servizio e come noterete la parte rimossa risulta essere abbondante rispetto a quanto segnato, visto che effettuando un taglio maggiore a quanto richiesto non si pregiudica alcun problema, mentre un taglio più piccolo potrebbe portare ad un errore di lettura da parte dello scanner.

Alla fine dovreste ottenere due fogli separati che entrano perfettamente nell'incavo dello scanner, separati tra loro da una distanza che corrisponde esattamente alla sede necessaria a contenere la pellicola.

MascheraScanner

MascheraScanner

Se avete fatto un buon lavoro, i due fogli con la pellicola in mezzo tra loro non possono spostarsi in alcun modo sul vetro dello scanner, bloccati tutto intorno dai bordi dello scanner.

A questo punto dovreste ottenere una situazione mostrata nella foto già proposta, e che qui sotto rialleghiamo per comodità.

 

MascheraScanner

Come avrete notato, a parte lo spessore dei fogli di plastica che qui sono molto più fini (0,2mm) rispetto al progetto precedente, le fasi fin qui descritte sono uguali al progetto precedente.

A questo punto i due progetti si discostano completamente visto che la base di questo progetto è una lastra di vetro.

Prendiamo la lastra di vetro e mettiamoci sopra il foglio inferiore di plastica. Assicuriamoci che la parte inferiore del vetro e del foglio siano allineati. A tale scopo possiamo utilizzare il supporto della cornice che abbiamo comperato, come battuta sia per il vetro che per la plastica.

 

MascheraScanner

Per prevenire che la colla possa sporcare la parte del vetro che verrà utilizzata per la scansione, copriamola con del nastro adesivo, in modo che il bordo del foglio di plastica che andremo ad incollare sul vetro e il bordo del nastro adesivo coincidano perfettamente. Consiglio di effettuare questa operazione con la massima cura, al limite di ripeterla se non è venuta bene la prima volta. Un eventuale residuo di colla che infatti dovesse sporcare la parte che stiamo proteggendo con il nastro, rischierebbe di dover danneggiare irrimedianbilmente tutto il lavoro.

Dopo aver ben pulito con alcol la parte del vetro che andremo ad incollare e dopo aver segnato sul foglio di plastica delle linee che permettano di posizionare il vetro che è più stretto del foglio al centro dello stesso, cominciamo a passare la colla.

Ricordo che la colla per unire la plastica è quella specifica per questo materiale:

MascheraScanner

Mentre per incollare la plastica con il vetro utilizzare colle specifiche per questi due materiali. Io ho utilizzato colla Attack in Gel e mi sono trovato bene.

Consiglio di passare la colla sul vetro ed essere sufficientemente rapidi. Non andare troppo vicino ai bordi e non esagerare con la quantità. Alla fine girare la lastra di vetro ed utilizzare ancora il supporto della cornice come battuta per fare in modo che il bordo del foglio e del vetro siano allineati.

Vi consiglio di fare delle prove senza colla per posizionare vetro e plastica, in modo di trovare il movimento più naturale per effettuare l'operazione. Vi ricordo infatti che se posizionate male le due superfici, non avete una seconda possibilità; i due fogli si attaccheranno istantanemente e vetro e plastica non saranno recuperabili.

 

MascheraScanner

Dopo che le due superfici entreranno in contatto, operate una pressione sul vetro (senza esagerare) in modo che la colla si espandi e le due superfici aderiscano perfettamente.

Dopo aver atteso qualche minuto in modo che la colla abbia perfettamente tirato, togliere il nastro adesivo.

MascheraScanner

Vorrei far notare l'utilità del nastro. Nella parte in basso della foto potete notare che nonostante l'attenzione un po' di colla è uscita da sotto il foglio di plastica. Se non ci fosse stato il nastro, il vetro mi si sarebbe irrimediabilmente sporcato.

Passiamo ora ad attaccare il secondo foglio sul vetro e qui la cosa diventa più complessa.

Utilizzando ancora lo spezzone di pellicola lo posiziono sul vetro proprio dove ho appena tolto il nastro, fissandolo ancora con del nastro in modo visibile nellafigura sottostante.

MascheraScanner

Ora la pellicola vi farà da riferimento per incollare il secondo foglio di platica. Anche qui vi consiglio di fare delle prove per trovare la soluzione che vi sembra più naturale.

Dopo aver incollato il secondo foglio e aspettato che la colla abbia fatto presa dopo aver operato una certa pressione, potete rimuovere la pellicola ed effettaure dei test di sorrimento, dopo aver posizionato il vetro su una superficie liscia come ad esempio il marmo.

MascheraScanner

Grazie allo spessore dei fogli di plastica, avrete creato un binario entro cui la pellicola si muove liberamente ma senza oscillazioni orizzontali.

La guida basterebbe già coì fatta, ma siccome i bordi di plastica che escono dal vetro sono molto fini, col tempo potrebbero incurvarsi, quindi utilizzando fogli da 1 o 2 mm (a seconda dello spessore del vetro), conviene fare dei bordi tutti intorno al vetro che rendono tutta la maschera molto più robusta.

MascheraScanner

Incollando tutto intorno alla parte di plastica che esce un bordo opportunamente sagomato, si ottiene una maschera che ha ovunque lo stesso spessore. Tranne ta parte in basso dove si vede il bordo del vetro, ovunque il bordo è in plastica. Si ricorda di utilizzare la colla specifica per questa operazione.

Per aumentarne la consistenza del tutto, sulla superficie del vetro rimasta libera (quella superiore) ritagliare due pezzi di plastica da 1 mm di dimensioni in larghezza esattamente identici a quelli da 0,2 attualmente incollati sul vetro, mentre in altezza appena inferiori per lasciar libera la porzione di vetro utilizzata dalla scansione.

MascheraScanner

Utilizzando della carta vetrata (numero 120 - 180) si possono rifinire i bordi e la vostra maschera assumerà un aspetto molto curato.

Provate a riposizionarla sullo scanner dopo averla terminata. nel caso non entrasse nella sede operate con la carta vetrata sui bordi. Viceversa (come è accaduto al sottoscritto) eventuali giochi tra la maschera e lil piano scanner possono essere aggiustati incollando sui bordi dei litelli ancora di plastica, come indicato nelle figure sottostanti.

MascheraScanner

 

MascheraScanner

Infine rifinire ancora con la carta vetrata.

Come per la prima maschera conviene incollare sulla parte destra un ritaglio di plastica che esce dallo scanner e tramite due riferimenti con un pennarello vi permette di effettaure lo spostamento pari al numero prefissato di dentini.

Alla fine si ottiene un risultato apprezzabile mostrato nelle figure che seguono.

MascheraScanner

 

MascheraScanner

 

Una variante a questa maschera è stata fornita da un lettore del sito che ci ha fornito la sua versione.
In questa pagina: Maschera Scanner i dettagli.

Un altro lettore invece ci ha fornito un geniale sistema di trascinamento della pellicola automatizzato.
In questa pagina: Telecinema Scanner i dettagli.

Ringraziando per l'attenzione vi ricordo che sono disponibile per ulteriori chiarimenti.

In Domande/Risposte alcune domade fatte da utenti che hanno provato questo sistema.